Il Parlamento interroga, il Governo non risponde quasi mai

renzi-poletti-boschi 195

L’esecutivo guidato da Matteo Renzi detiene un altro record: quello delle interrogazioni parlamentari a cui non ha mai risposto. I più ignorati? I parlamentari del Movimento 5 Stelle.

È ancora uno studio di OpenPolis a mettere in evidenza una delle caratteristiche peculiari della reggenza di Matteo Renzi a Palazzo Chigi o, per meglio dire, della nuova legislatura.

Stando ai dati raccolti, infatti, emerge con chiarezza quanto sia basso il livello di interazione fra Parlamento e Governo, secondo un trend avviato con l’ultimo esecutivo guidato da Silvio Berlusconi e proseguito durante il periodo di Mario Monti. Non bastasse l’acclarato abuso della decretazione d’urgenza e del ricorso alla questione di fiducia (fra pochi giorni sapremo se l’esecutivo intenderà blindare con tale strumento anche il Jobs Act), ecco un altro indicatore interessante: il tasso di risposta alle interrogazioni parlamentari a risposta scritta.

Come si legge sul blog di Openpolis, “nella scorsa Legislatura, il Governo guidato da Silvio Berlusconi aveva risposto al 39,33% delle interrogazioni parlamentari, mentre il Governo Monti si era fermato al 29,33%”; Letta e Renzi sono invece riusciti a fare peggio: su 9200 interrogazioni presentate dai parlamentari, ministri e rappresentanti del Governo hanno risposto a circa 1300, circa il 14% insomma. È interessante anche deframmentare il dato per i singoli partiti, evidenziando come il gruppo che riceva maggiore attenzione dal Governo è proprio quello del Partito Democratico (circa il 20% delle interrogazioni ricevono risposta), mentre i più ignorati sono i parlamentari di Sel e del Movimento 5 Stelle. Ecco in grafica:

tabella-interrogazioni 550

Fonte: http://www.fanpage.it/il-parlamento-interroga-il-governo-non-risponde-quasi-mai/

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.