Diviene operativa la Soprintendenza Archeologica della Campania con sede a Salerno.

Tino Iannuzzi foto 150x160Iannuzzi (PD):- E’ entrato in vigore il D.M. sull’articolazione degli Uffici del Ministero dei Beni Culturali. Diviene operativa la Soprintendenza Archeologica della Campania con sede a Salerno.

“Diviene operativa la Soprintendenza Archeologica della Campania con sede a Salerno, dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio scorso del Decreto del Ministero per i beni e le Attività culturali ed il Turismo, recante la riorganizzazione degli Uffici dirigenziali di livello non generale, compresi gli Uffici periferici.

Si tratta di una decisione giusta e positiva voluta dal Ministro Franceschini, alla luce della complessa articolazione territoriale e dell’ubicazione in Campania dei differenti uffici ministeriali. Infatti la sede a Salerno della Soprintendenza regionale dell’Archeologia tiene conto di imprescindibili esigenze di costi e di equilibrio fra i diversi uffici ministeriali sul territorio della intera Regione. Nell’ottica della spending review -che prevede l’accorpamento e la unificazione delle Soprintendenze in ogni Regione- in Campania è stata opportunamente scelta, quale  sede della Soprintendenza regionale della Archeologia, Salerno che fra l’altro è dotata di un personale più numeroso; nel contempo, tuttavia, viene giustamente conservata la Soprintendenza speciale di Pompei, Ercolano e Stabia.

Del resto a Napoli saranno ubicate una sede distaccata della Soprintendenza Archeologica, e diversi uffici di competenza regionale quali la sede del Polo Museale Regionale, la Soprintendenza Archivistica della Campania e della Calabria, il  Segretariato regionale del Ministero per i Beni culturali. La Soprintendenza Archeologica a Salerno rappresenta un’occasione fondamentale per la valorizzazione  e lo sviluppo dei tanti siti archeologici di assoluto pregio in Campania, fra i quali l’area di Velia  (già destinataria nel dicembre scorso di un finanziamento di 300.000 euro disposto dal  Ministro Franceschini)  ed il sito di Paestum per il quale presto entrerà in funzione il nuovo Istituto dotato di autonomia speciale, uno dei 18 Istituti e Musei di rilevante interesse nazionale previsti in tutta Italia dalla Riforma del Ministero, dei quali ben 4 in Campania: Paestum, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Museo di Capodimonte e la Reggia di Caserta.

Risulta così evidente che la descritta Riforma del Ministero dei Beni Culturali risponde a criteri ben ponderati e di corretta articolazione sui territori campani dei diversi Uffici. La Soprintendenza dovrà operare in una sinergia forte e positiva con le Facoltà ed i Corsi di Laurea in Archeologia della Campania, che rappresentano un patrimonio particolarmente significativo di competenze ed esperienze scientifiche”.

Roma-Salerno, 15 gennaio 2015

Tino Iannuzzi 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
error

Segui Faro Network sui social