Mari italiani ceduti alla Francia, Borghi accusa il Governo di alto tradimento

Alto tradimento: il governo regala alla Francia un pezzo di mare Toscano più grande della provincia di Trieste.” Il portavoce dell’opposizione in Regione Toscana Claudio Borghi Aquilini, responsabile economico della Lega Nord, ha effettuato oggi “un’interrogazione urgente in Consiglio regionale per avere informazioni se anche il territorio toscano fosse stato menomato dalle cessioni di tratti di mare firmate con un trattato con la Francia dal ministro Gentiloni.

La risposta è stata incredibile: l’Assessore regionale (PD) Remaschi ha rivelato in aula che sono stati ceduti alla Francia complessivi 316 chilometri quadrati di mare prospiciente la costa Toscana in aree di rilevantissimo interesse economico e naturalistico (l’area è parte del santuario per i mammiferi marini)”. Lo stesso Assessore definisce grave il potenziale danno per la pesca regionale.

Di tale cessione la regione Toscana non è stata minimamente informata. Durissimo il commento del Consigliere Borghi:  “Una cosa del genere non ha precedenti: si tratta di Alto Tradimento. Ci sono stati migliaia di Italiani morti per riconquistare parti del territorio nazionale, Trento e Trieste. Ebbene, qui abbiamo un ministro che senza avvisare la regione e senza avvisare il parlamento regala ad un paese straniero un’area superiore a quella della provincia di Trieste.

Il codice penale (art. 264) dice che chi è incaricato di trattare affari di Stato va in carcere se infedele al mandato: delle due l’una, o Gentiloni ha agito secondo mandato – e quindi si deve dimettere Renzi come mandante – o è stato infedele di propria iniziativa, e quindi deve essere incriminato secondo legge. La Lega Nord non permetterà la cessione di nemmeno un centimetro di mare Toscano, Ligure o Sardo. Il trattato non deve essere ratificato dal Parlamento, a costo di rinnegare la firma con conseguente figuraccia internazionale.

La Lega agirà in ogni sede perché i responsabili di questa vergognosa pagina per il nostro Paese ne paghino le conseguenze. Un governo che non solo svende il denaro dei cittadini e le migliori imprese, ma addirittura regala vaste aree di mare non può restare un secondo di più al suo posto.”

Queste le parole di Claudio Borghi Aquilini. Avendole lette l’avvocato Marco Mori, nostro collaboratore, si è detto disponibile a redigere la denuncia a titolo gratuito, e per questo si mette a disposizione del professor Borghi.  L’avvocato Mori è estremamente preparato sulla materia, avendola studiata già dal lontano 2007. – Fabio Lugano – – scenari economici

Mari italiani ceduti alla Francia - 540

Fonte  5 marzo 2016

CONDIVIDI-3

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.