AUTOSTRADE-BENETTON, UN COLPO A COSTO ZERO CHE RIUSCÌ GRAZIE A PRODI, D’ALEMA E DRAGHI

Si discute ancora, in questi giorni che vedono l’Italia segnata ancora dal maltempo, dell’opportunità di revocare o meno la concessione per le autostrade alla famiglia Benetton.

Autostrade-Benetton 1

E sarebbe bene, allora, ricordare come sia andata l’acquisizione, tanti anni fa. A ricostruire lo schema che permise al gruppo di procedere all’acquisto è Business Insider Italia, che racconta di un affare avvenuto attraverso una scatola finanziaria appositamente costruita, Schemaventotto.

Per aggiudicarsi il 30% di Autostrade, Edizione nel 2000 investì attraverso Schemaventotto 2,5 miliardi di euro, di cui 1,3 miliardi di mezzi propri e 1,2 miliardi presi a prestito. Successivamente, nel 2003, il secondo passaggio: un altro veicolo finanziario controllato da Schemaventotto, denominato NewCo28,

rilevò con un’Opa il 54% di Autostrade per 6,5 miliardi. In questa maniera NewCo28 finì per incorporare Autostrade scaricandole il debito che aveva contratto per finanziare l’offerta.

Autostrade-Benetton 2

Per i Benetton l’operazione si chiuse a costo zero. Schemaventotto tra il 2000 e il 2009 prelevò infatti da Autostrade 1,4 miliardi di dividendi, tutti generati da utili, e ne collocò in Borsa il 12% con un incasso di altri 1,2 miliardi. Il ricavato totale fu di 2,6 miliardi di euro.

Un’operazione che, per i Benetton si chiuse a costo zero, con il recupero dei mezzi propri investiti e una partecipazione nella società dal valore, oggi, di diversi miliardi. Autostrade, nonostante l’esposizione finanziaria, ha ancora una forte redditività e genera profitti in misura superiore ai dividendi. Un’operazione, la privatizzazione di Autostrade, avvenuta con il benestare di Romano Prodi, Carlo Azeglio Ciampi, Mario Draghi e Massimo D’Alema.

Autostrade-Benetton 3

“Il processo di privatizzazione – racconta infatti la testata – maturò durante il primo governo Prodi e proseguì e si concluse senza soluzione di continuità con il governo D’Alema, con Ciampi ministro del Tesoro di entrambi gli esecutivi. Draghi direttore generale e Gian Maria Gros-Pietro presidente dell’Iri”. Gros-Pietro che, tra l’altro, successivamente sarebbe finito alla presidenza di Atlantia, la holding cui oggi fa capo il 100% di Autostrade.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/banche-mercati/banche-tedesche-aiutino-del-governo-per-deutsche-bank-e-commerzbank/

il paragone.it – 27 novembre 2019

Apri Faro Network e clicca su Mi piace

                                                                                                                       CONDIVIDI L’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
error

Segui Faro Network sui social