ISTAT FOTOGRAFA PAESE SPACCATO IN DUE, NEL NORD-OVEST PIL PRO-CAPITE DOPPIO RISPETTO AL SUD

L’Italia resta un Paese diviso in due quando si parla di ricchezza. Ad accedere i fari sul divario tra Nord e Sud del Paese, ci ha pensato l’Istat nel rapporto sui Conti economici territoriali, secondo cui il Pil italiano in volume è aumentato nel 2018 dell’1,4% nel Nord-est, dello 0,7% nel Nord-ovest e nel Centro e dello 0,3% nel Mezzogiorno.

ISTAT - 550

Significativo il gap a livello di Pil procapite, che vede in cima alla graduatoria l’area del Nord-ovest con un valore in termini nominali di oltre 36 mila euro, quasi il doppio di quello del Mezzogiorno, pari a circa 19 mila euro annui.

Nelle Marche la crescita più veloce, rallenta la Lombardia

A livello regionale sono le Marche a registrare la crescita del Pil più elevata, con un 3% di aumento rispetto all’anno precedente. Un deciso recupero dell’attività produttiva si rileva anche per l’Abruzzo, dove il Pil è cresciuto del 2,2% a fronte dello 0,6% del 2017, e per la Provincia Autonoma di BolzanoBozen (+2%).

Sopra la media nazionale si posizionano altre tre regioni del Mezzogiorno: Sardegna e Puglia (+1,4%) e Molise (+1,2%). In Lombardia la crescita economica rallenta sensibilmente: nel 2018 il Pil è aumentato dello 0,5%, contro il + 2,2% dell’anno precedente.

In Campania e Calabria le flessioni maggiori

Lazio (-0,2%) e Sicilia (-0,3%) chiudono il 2018 con una diminuzione del Pil in volume, ma le flessioni più rilevanti si riscontrano in Campania (-0,6%) e Calabria (-0,8%). Quanto alla spesa per consumi delle famiglie, la dinamica nel 2018 e’ positiva e pari allo 0,9% appena superiore a quella del Pil (+0,8%).

Fari sui consumi

Nel 2018 in Italia la spesa per consumi finali delle famiglie per abitante, valutata a prezzi correnti, è stata di 17,8mila euro. I valori più elevati di spesa pro capite si registrano nel Nord-Ovest (20,6 mila euro) e nel Nord-Est (20,4 mila euro); il Mezzogiorno si conferma, invece, l’area in cui il livello di spesa è più basso (13,7 mila euro).

A un maggior dettaglio territoriale il più alto livello di consumi finali pro capite si registra In Valle d’Aosta e nella Provincia Autonoma di Bolzano-Bozen (rispettivamente 25,5 mila e 24,3 mila euro).

di Mariangela Tessa – 28 Gennaio 2020

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
error

Segui Faro Network sui social