CHE FINE HA FATTO LA PROPOSTA DI LEGGE “8X1000 ALLA RICERCA SCIENTIFICA”

Un chiarimento dovuto alla vasta platea di persone che mi hanno onorato con la loro adesione alla mia proposta di legge. 

Montalcini foto con testo 500

Enzo Mellano 70x70Gentile Amica/o, probabilmente ti sarà capitato di porti la seguente domanda: “come mai sono trascorsi vari anni dalla mia adesione alla proposta di legge e non ho saputo più niente?” Una domanda legittima che merita delle risposte circostanziate. Eccole:

1) Prima ancora delle adesioni online, in una delle mie dirette televisive, proposi a due parlamentari di opposte fazioni politiche, di presentare la proposta in parlamento. Entrambi accettarono e dopo circa due mesi la presentarono ma con il testo modificato che ne riduceva l’importanza. Trascorsi due anni, purtroppo non c’è stata l’approvazione né la bocciatura della proposta di legge perché non è stato mai promosso l’iter burocratico.

2) E così, preso atto di aver perso due anni di tempo prezioso, mi decisi di pubblicizzare la proposta di legge e promuovere una raccolta adesioni online, registrando oltre 92.600 partecipazioni. Un risultato rassicurante che gettava le basi per la presentazione in parlamento. Ma considerata l’esperienza dei due parlamentari precedenti, non ho trovato nessun parlamentare che offrisse sufficienti rassicurazioni, non tanto di buona riuscita, ma di impegno necessario. Non solo, ma tra quelli contattati, un parlamentare mi disse che forse il parlamento, o parte di esso, avrebbe potuto ritenere non credibili le adesioni raccolte online.

3) E allora, senza farmi prendere dallo sconforto, cosciente che la soluzione che avevo escogitato mi avrebbe impegnato moltissimo, decisi di aggiungere alle adesioni private anche delle adesioni pubbliche da parte di enti pubblici elettivi. E fu così che, da Nord a Sud Italia, Sicilia e Sardegna comprese, iniziai a proporre a sindaci e presidenti di provincia di portare la proposta all’approvazione del Consiglio comunale o provinciale. La risposta è stata soddisfacente, infatti le delibere prodotte, cioè atti pubblici inconfutabili, sono state approvate quasi tutte all’unanimità indipendentemente dall’appartenenza politica dei votanti. Votanti che nella loro totalità di rappresentanza pubblica rappresentano circa due milioni di elettori.

Ecco alcune delle varie delibere di Consiglio reperibili su Google:

http://www.salaconsilina.gov.it/wp-content/uploads/2015/11/c34-2015-10-22-34c.pdf

https://www.comune.agropoli.sa.it/files/2018/04/40377.pdf

http://www.forli24ore.it/news/cesena/0026402-consiglio-comunale-sostiene-l8-mille-alla-ricerca

4) E così la proposta, corredata di adesioni private e pubbliche, con tutte le raccomandazioni e chiarimenti che l’esperienza vissuta suggeriva, nello scorso novembre l’ho affidata a un parlamentare. Non ci resta che aspettare fiduciosi.

Finché non sarà terminato l’iter burocratico, vorrei informarti sui risultati delle varie fasi, fino al voto del parlamento, 3-5 comunicazioni in tutto in 6-8 mesi. E se la proposta sarà approvata, ci saranno 2-3 comunicazioni all’anno per informarti su:  

  1. l’ammontare dell’8×1000 devoluto alla Ricerca scientifica;
  2. quanti e quali progetti sono stati finanziati;
  3. quanti soldi sono stati distribuiti e chi sono stati i beneficiari.

IMPORTANTE: Per facilitarmi il lavoro di comunicazione delle novità future, è necessario fare due cose: a) mettere “Mi Piace” sulla pagina; b) per informare anche altre persone, cliccare su Condividi in basso a destra del post.

Grazie dell’attenzione e della squisita collaborazione nella quale confido fiducioso.

Il Promotore

Enzo Mellano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
error

Segui Faro Network sui social