PARAGONE: “SERVE UNO STATO CHE BATTA MONETA. ORA TUTTI SANNO CHE L’EURO E L’UE SONO UNA TRUFFA”

Gianluigi Paragone, senatore del Gruppo Misto, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano, per parlare dell’emergenza coroanvirus, da una punto di vista sanitario, sociale ed economico: “Quando l’emergenza sarà finita ne uscirà un Paese migliore? Non credo, perché la ricostruzione sarà ancora la ricostruzione del proprio particolare. Tutti dovranno recuperare le macerie del proprio che viene a crollare.

Paragone Serve uno Stato che batta moneta 1

L’inganno della modernità è far finta di vivere il senso comune. Viviamo una comunità virtuale perché abbiamo dimenticato come si fa la comunità reale. Ci sarà un’emergenza economica, di bilanci familiari e lì scopriremo molte cose. Abbiamo abboccato tutti alla storia degli sprechi nella sanità, adesso ci accorgiamo che la programmazione era sbagliata, che la sanità pubblica deve essere fatta di gente in esubero, lo Stato deve andare a debito perché deve essere pronto all’imprevedibile”.

Continua Paragone: “Adesso gli ospedali li chiamiamo aziende ospedaliere. Portare l’acqua o la luce in un paese di montagna è compito dello Stato ed è certamente un compito che va in rosso. Sulla sanità deve essere la stessa roba. Adesso che vedi la morte in faccia tutti vogliono più medici. Soltanto Marattin non vede i tagli che ci sono stati. Adesso noi pagheremo un prezzo che è superiore rispetto ai tagli che sono stati fatti. Adesso andiamo a prendere quelli che sono andati in pensione, i giovani non ancora laureati. Quando allo Stato non è consentito di fare lo Stato ecco che a quel punto lo Stato è ammaccato”.

Paragone Serve uno Stato che batta moneta 2

Sostiene Paragone: “La sfida sarà tra lo Stato e il metaStato (lo Stato multinazionale), in mezzo non si può stare, dobbiamo scegliere. Non capisco perché oggi non si metta l’esercito a presidio delle stazioni per impedire l’esodo da nord e sud. Il fanciullo immaturo che è in noi tende ad andare verso i cari, ma ci vuole qualcuno di più forte che ti prenda a calci nel culo e ti dice che non puoi e questo lo può fare solo lo Stato”. Sul fronte economico, invece, Paragone afferma: “C’è bisogno di uno Stato che batta moneta. Tutti capiranno che l’Euro sta all’economia come il digitale terrestre sta all’innovazione tecnologica. L’Euro è una non-moneta. Gualtieri non ha capito cosa accadrà fra 3 mesi, non ci sarà tutta la pazienza che c’è oggi. Se lo Stato si presenta con le sue scartoffie e la sua burocrazia, impedendo alla gente di ripartire, ci sarà un atto di ribellione”.

Italian Prime Minister Giuseppe Conte (L) with Italian Minister of Economy, Roberto Gualtieri, attend a press conference after a Cabinet for the approval of the update note to the Economic and Financial Document (Economic planning) at Chigi Palace in Rome, Italy, 30 September 2019.  ANSA/ANGELO CARCONI

Italian Prime Minister Giuseppe Conte (L) with Italian Minister of Economy, Roberto Gualtieri, attend a press conference after a Cabinet for the approval of the update note to the Economic and Financial Document (Economic planning) at Chigi Palace in Rome, Italy, 30 September 2019.
ANSA/ANGELO CARCONI

Quello che ha detto Lagarde dovrebbe bastare a far capire che l’UE è la più grande truffa politica e ideologica attualmente in corso. Lagarde è un’inadeguata, una dilettante e Gualtieri è riuscito a fare il lecchino dello Stato nonostante Mattarella avesse criticato Lagarde. Il M5S quando si è presentato alle elezioni aveva un programma chiaro, ma non me ne frega più nulla di fare polemiche. Qualcuno mi dice: unisci le voci in dissenso verso l’Europa e provate a costruire un consenso. Questo accadrà. L’ho fatto prima in tv, lo faccio adesso in politica in solitudine, poi vediamo se ci sarà la possibilità di creare qualcosa da presentare ai cittadini.

Ti potrebbe interessate anche: Tremonti: “Assurdo che l’Ue debba darci il permesso per usare soldi nostri”.

Il Paragone it – 16 marzo 2020

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
error

Segui Faro Network sui social