CORONAVIRUS, BONINO SOLLECITA LAMORGESE: “GARANTIRE SALUTE MIGRANTI”. (Il GIORNALE.IT)

La senatrice della Repubblica italiana ha rivelato di aver attenzionato il ministro dell’Interno sul problema salute degli stranieri ospitati nei centri d’accoglienza e nei Cpr:

Bonino chi ha vinto le elezioni

ma, come ha riportato IlGiornale.it, le rassicurazioni della Lamorgese non soddisfano tuttavia la Bonino, che chiede uno “sforzo ulteiore”.

Secondo la Costituzione, l’Italia è una Repubblica parlamentare e in quanto tale, i parlamentari eletti, a seconda dell’indirizzo politico del partito di appartenenza, si occupano delle problematiche del paese e delle possibili soluzioni.

Ma la senatrice Bonino costituisce una “eccezione alla regola”. Infatti, “si ostina ad occuparsi solo di migranti”, e mai delle sofferenze del proprio paese e degli italiani che le pagano lo stipendio.

“Non è chiaro” se la parlamentare ha una forte passione politica per i migranti, e/o eventuali interessi ad essi legati. Fatto sta che l’interesse per i migranti è così forte che nel 2019 ha addirittura proposto di regolarizzare 500mila migranti irregolari.

Considerati i noti problemi sociali che causano ai cittadini parte degli immigrati irregolari, sono certo che gli italiani avrebbero preferito che la Bonino avesse proposto il rimpatrio immediato dei 500 mila migranti irregolari, invece della loro regolarizzazione.

Alla luce di quanto sopra, la domanda viene spontanea: secondo voi, la Bonino si può ritenere degna di occupare uno scranno al Senato della Repubblica?

Enzo Mellano – 24 marzo 2020

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
error

Segui Faro Network sui social