“TROPPI RITARDI NELL’APPLICAZIONE DEL DECRETO SULLA TERRA DEI FUOCHI”

 

Tino Iannuzzi fotoIl presidente della Commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci  e il vicepresidente Tino Iannuzzi presentano una interrogazione sulla Terra dei Fuochi ai ministri dell’Ambiente e della Salute

“Occorre procedere con rapidità alla piena attuazione del DL 136 sulla Terra dei Fuochi e l’Ilva, che prevede norme importanti per risolvere due drammatiche questioni da troppo tempo insolute, recuperando così anche la fiducia dei cittadini, profondamente scossa in questi anni.

Il provvedimento, approvato lo scorso 5 febbraio dal Parlamento, punta infatti a garantire il contrasto efficace dell’illegalità, maggiori tutele per l’ambiente e per la salute dei cittadini, risorse per le bonifiche prioritarie.

Ma ad oggi risultano ritardi e confusione nell’applicazione del complesso delle misure previste dal decreto. Con il collega Iannuzzi avevo già sollevato, con l’atto 4-02792, la questione della mappatura delle aree a rischio e del divieto, ove necessario, di coltivazioni ad uso alimentare. E non sappiamo a che punto sia lo screening sanitario. Un altro punto qualificante del decreto, introdotto nel passaggio alla Camera, è quello relativo all’aggiornamento da parte dell’Istituto Superiore di Sanità dello studio epidemiologico Sentieri, aggiornamento per cui erano previsti tempi precisi ormai abbondantemente superati.

Per sapere se tale aggiornamento sia avvenuto ho presentato un’interrogazione sottoscritta anche dal vicepresidente Iannuzzi ai Ministri della Salute e dell’Ambiente. Nel caso lo studio sia stato effettivamente aggiornato ai ministri interrogati chiediamo inoltre i motivi per i quali tali dati non siano ancora stati pubblicati, come esplicitamente previsto dal decreto”, così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, depositando una interrogazione sulla Terra Fuochi sottoscritta anche dal vicepresidente della medesima Commissione Tino Iannuzzi.

” Occorre, poi, realizzare un coordinamento incisivo nell’ambito del Governo e fra tutte le Istituzioni coinvolte, al fine della piena ed immediata attuazione del DL 136, che sola può garantire quella risposta concreta e risoluta dello Stato, necessaria per recuperare la fiducia delle popolazioni”, ha dichiarato Tino Iannuzzi”.

Roma – Salerno, 20 giugno 2014

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.