Immigrati. Messina (Idv): passare competenze Alfano a Mogherini

      IGNAZIO MESSINA

IGNAZIO MESSINA

 

E SPOSTARE FRONTEX DA VARSAVIA ALLA SICILIA (DIRE)

Roma, 28 ago. – “I continui sbarchi di immigrati sulle nostre coste sono diventati ingestibili ed insostenibili. Alfano avrebbe dovuto ribaltare i tavolini a Bruxelles ed invec e stiamo rischiando che si ribalti l’Italia”. E’ quanto dichiara in una nota il segretario nazionale di Italia dei Valori Ignazio Messina,  che aggiunge: “Credo che, a questo punto, sia arrivato il momento di togliere le competenze ad Alfano e trasferirle alla Mogherini, che ha dimostrato di essere più efficace e concreta nel gestire i rapporti internazionali.

Senza soluzioni tempestive rischieremo di toccare un limite che non sembra più così lontano. Il ridicolo e’ che la sede centrale di Frontex è a Varsavia e sarebbe invece necessario che si sposti in Italia, in Sicilia, diventata la porta dell’immigrazione e che faccia sentire la sua presenza, che oggi non c’è”.

“Ogni giorno contiamo morti, anche bambini, disperazione e difficoltà e non siamo capaci di rispondere adeguatamente per ripristinare una situazione vivibile e rispettosa dei diritti umani. Il Ministro ci sta rendendo ridicoli con il suo immobilismo e da lui sentiamo soltanto proclami di circostanza. Questo non serve – conclude Messina- ma serve un lavoro congiunto e responsabile tra Italia ed Europa, perché da soli non ce la facciamo. Non anneghiamo nel mare del silenzio”.

Ignazio Messina

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.