Cirielli (FdI-An): solidarietà a carabinieri aggrediti, fatto grave e inaccettabile

edmondo-cirielli-205-x-205

GIFFONI SEI CASALI (SA) – “L’aggressione ai danni dei carabinieri da parte di due migranti a Giffoni Sei Casali è un fatto grave e inaccettabile”. È quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.

“Presenterò un’interrogazione parlamentare – spiega – per chiedere al governo di intervenire per gestire adeguatamente il fenomeno migratorio in provincia di Salerno, che sta mettendo a rischio la sicurezza e la tranquillità dei nostri territori. Chiederò al governo, inoltre, di adottare iniziative, anche di carattere normativo, che prevedano l’espulsione immediata di coloro che sono tratti in arresto in flagranza di reato”.

“È una vergogna – aggiunge – che le leggi volute dal Pd prevedano la possibilità degli arresti domiciliari per delinquenti che commettono violenza contro pubblici ufficiali. È la dimostrazione di come lo Stato costruito dalla sinistra non rispetta le Forze dell’ordine e si prepara, infatti, non una normativa per inasprire le pene contro le violenze sempre più frequenti contro le donne e gli uomini in divisa, ma una norma sotto il falso nome di tortura che prevedrà l’arresto in flagranza di reato con l’obbligo di detenzione in carcere nei confronti di un agente perfino se commetterà una semplice violenza psichica (concetto assai opinabile) contro un arrestato”.

“Ai carabinieri rimasti feriti e ai cittadini di Giffoni Sei Casali – conclude Cirielli – va la mia solidarietà”.

Roma, 10 maggio 2017

On. Edmondo Cirielli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.