OTTO PARLAMENTARI PD HANNO PRESENTATO ALLA CAMERA UNA PROPOSTA DI LEGGE PER ABOLIRE I VITALIZI

 

L’ex Presidente del Consiglio,  Enrico Letta: “La nostra battaglia per l’abolizione dei vitalizi”. Ecco i firmatari della proposta di legge: LETTA, BOCCIA, DAL MORO, DE MICHELI, GARAVINI, MAZZARELLA, MOSCA, VACCARO.

OTTO-PARLAMENTARI-PD-600

Punti salienti della proposta di leggedi cui l’ex presidente del Consiglio, Enrico Letta, è stato primo firmatario.

La proposta di legge intende garantire ai cittadini che svolgono il mandato parlamentare, e solo per il periodo del mandato, un trattamento in tutto e per tutto analogo a quello che gli altri cittadini si vedono riconosciuto in relazione ai propri periodi di lavoro. Il parlamentare non verrebbe in questo modo favorito (come invece accade con la normativa vigente), ne´ danneggiato.

La normativa proposta estende quindi ai periodi di esercizio del mandato parlamentare l’applicazione delle norme generali che disciplinano il sistema pensionistico obbligatorio, assimilando tali periodi, ai soli fini pensionistici, ai periodi di esercizio di attività di lavoro subordinato.

Tali periodi saranno pienamente ricongiungibili con gli altri periodi di contribuzione. Si prevede, infine, la possibilità per gli Uffici di presidenza delle due Camere. di istituire un fondo di previdenza complementare a capitalizzazione, alimentato unicamente da contributi volontari dei parlamentari e con esclusione di ogni onere a carico del bilancio dello Stato.

Quanto agli odierni assegni vitalizi che, com’è noto, gli Uffici di presidenza delle due Camere hanno disciplinato in assenza di un’idonea regolazione di legge, la presente proposta di legge ne fa venire meno il presupposto e ne prevede la soppressione. Inoltre, la gestione della previdenza obbligatoria dei parlamentari è affidata all’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) nell’ambito del fondo pensioni lavoratori dipendenti.

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 15-04-2016 Roma Politica Camera dei Deputati. Incontro "The State of the European Union and the Way Forward" con Enrico Letta e Herman Van Rompuy Nella foto Enrico Letta Photo Fabio Cimaglia / LaPresse 15-04-2016 Rome (Italy) Politic Chamber of Deputies. Metting "The State of the European Union and the Way Forward" with Enrico Letta and Herman Van Rompuy In the pic Enrico Letta

Insomma, una proposta di legge scritta per eliminare privilegi odiati dai cittadini per le odiose differenze di trattamento tra la Casta  e i comuni mortali. Detto questo, la domanda nasce spontanea: “Come mai, questa proposta di legge, che avrebbe reso un po’ di giustizia agli italiani, presentata alla Camera il 21 dicembre 2010, poco tempo prima che il primo firmatario Enrico Letta diventasse presidente del Consiglio, non è stata poi portata in discussione in parlamento, durante il suo mandato (dal 24/4/2013 al 14/2/2014) di Capo del Governo ”? Forse non lo sapremo mai.

Enzo Mellano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.