Tag Archives: ITALIA

Dati ufficiali dei fallimenti in Italia, nel 1° trimestre 2017: sono terrificanti, 2 fallimenti ogni ora, +36% dal 2009

Fallimenti delle imprese italiane, numeri da spavento. Nei primi tre mesi del 2017 sono state infatti 2.998 le aziende italiane che hanno portato i libri in tribunale, il 16,8% in meno rispetto ad un anno fa, il 20,2% rispetto al 2015, il 20,3% rispetto al 2014. Buoni numeri? No: i fallimenti segnano nel primo trimestre del 2017 un +36% rispetto il 2009, inizio della catastrofe economica italiana.

Missione compiuta: Italia prima al mondo per pressione fiscale

Ci sono classifiche internazionali che vedono l’Italia primeggiare. Una di queste è quella relativa alla pressione fiscale dove, secondo le stime del Centrostudi di Unimpresa, occupiamo addirittura il primo posto al mondo. La scalata al vertice sarebbe il frutto dell’aumento mostruoso della pressione fiscale negli ultimi anni. Dieci anni fa era al 39,1% del Pil, nel 2015 ha raggiunto il 43,8%. In Germania nello stesso periodo è passata dal 38,4 al 39,6% solo per citare il paese di riferimento in Europa.

UE, ogni anno l’Italia regala 58 miliardi a Fondo salva-Stati e Fondo di stabilità

Ammonta a oltre 290 miliardi di euro il totale dei contributi straordinari che l’Italia deve pagare, complessivamente, nel quinquennio 2015-2019 all’Unione europea. Si tratta di più di 58 miliardi l’anno che escono dalle casse dello Stato da un lato dirette al fondo europeo di stabilità (44 miliardi) e dall’altra indirizzati al fondo salva-Stati (14 miliardi). Questi i dati principali dell’analisi realizzata dal Centro studi di Unimpresa sul peso dei contributi straordinari dell’Italia all’Ue sul debito pubblico del nostro Paese.

Migranti, UE: 80% di arrivi in Italia sono irregolari

“Se confrontiamo Italia e Grecia vediamo che fino all’80% dei migranti che attraversano il mar Egeo sono profughi, mentre la maggioranza di quelli che arrivano in Italia dal Mediterraneo centrale,  l’80%, sono irregolari.  Non intendiamo cambiare i criteri” delle nazionalità da ricollocare.

D’Attorre (Pd): annientamento dell’Italia programmato. Da Monti a Renzi tutto scritto

UE, ogni anno l’Italia regala 58 miliardi a Fondo salva-Stati e Fondo di stabilità

Ammonta a oltre 290 miliardi di euro il totale dei contributi straordinari che l’Italia deve pagare, complessivamente, nel quinquennio 2015-2019 all’Unione europea. Si tratta di più di 58 miliardi l’anno che escono dalle casse dello Stato da un lato dirette al fondo europeo di stabilità (44 miliardi) e dall’altra indirizzati al fondo salva-Stati (14 miliardi). Questi i dati principali dell’analisi realizzata dal Centro studi di Unimpresa sul peso dei contributi straordinari dell’Italia all’Ue sul debito pubblico del nostro Paese.

Immigrati, l’Italia sta violando l’art.17 del Trattato di Schengen

A prescindere da ogni ragionamento e disquisizione sui termini, profugo, clandestino, migrante o emigrato, sottolineo nuovamente come quanto sta facendo l’Italia sia chiaramente in violazione dell’art.17 del Trattato di Schengen che recita:

I rom hanno milioni di euro all’estero. Ma in Italia vivono grazie a sussidi e case popolari

Scoperto il tesoro della “regina degli zingari”. Gli Halilovic vivono sulle spalle del sistema Italia ma in Croazia nascondono milioni di euro. Il tesoro dei rom è nascosto in Croazia. Ingenti somme di denaro che appartengono a nomadi che vivono sulle spalle del sistema Italia, ma di cui fino a oggi non se ne conosceva l’esistenza.

Impressionante, mai così tanti suicidi in Italia. E i dati Istat sono fermi al 2013

Sono circa 4mila (in prevalenza uomini adulti) le persone che ogni anno in Italia decidono (e riescono) a togliersi la vita con i metodi più disparati.

Razzismo, la Ue bacchetta l’Italia: “Più moschee e subito lo ius soli”

La Commissione anti-razzismo del Consiglio d’Europa punta il dito contro Roma: l’Italia deve affrettarsi per la naturalizzazione degli stranieri e aprire più luoghi di culto islamici.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.