Scienze e Ricerca

PREVENZIONE ATTRAVERSO UN CORRETTO STILE DI VITA: 80% DI MALATTIE IN MENO

Obesità e colesterolemia peggiorate nella popolazione.

PARLARE AL BIMBO NELLA PANCIA DELLA MADRE: QUANTO È IMPORTANTE?

DALLA RICERCA SCIENTIFICA – Diciamoci la verità: quale coppia che è in attesa non lo fa? Sono tanti i genitori che durante i mesi della gravidanza parlano per ore e ore con il proprio piccolo mentre è ancora in grembo raccontandogli un pò della vita o della giornata trascorsa da mamma e papà.

UNA CAMMINATA VELOCE PUÒ AVERE GLI STESSI BENEFICI DI UN FARMACO

LA RICERCA SCIENTIFICA – Quanto fa bene al nostro cuore concedersi una bella passeggiata giornaliera? Sappiamo tutti che l’attività fisica e lo sport, se praticato senza eccessi, garantisce numerosi benefici per la salute del nostro organismo.

A RISCHIO LA SALUTE DEI POLMONI CON L’UTILIZZO DI DETERGENTI E PRODOTTI PER LA CASA!

RICERCA SCIENTIFICA – Ad essere chiamate in causa, a questo punto, sono sopratutto le casalinghe o le domestiche impegnate nelle faccende di casa: secondo una ricerca scientifica realizzata dall’Università di Bergen, in Norvegia, l’utilizzo dei prodotti per la pulizia causa il declino della salute dei polmoni.

A RISCHIO LA SALUTE DEI POLMONI CON L’UTILIZZO DI DETERGENTI E PRODOTTI PER LA CASA!

RICERCA SCIENTIFICA – Ad essere chiamate in causa, a questo punto, sono sopratutto le casalinghe o le domestiche impegnate nelle faccende di casa: secondo una ricerca scientifica realizzata dall’Università di Bergen, in Norvegia, l’utilizzo dei prodotti per la pulizia causa il declino della salute dei polmoni.

PENSIONI, VITALIZI AI PARENTI DEGLI IMMIGRATI, ANCHE SE NON LAVORANO NÉ VIVONO IN ITALIA

LA LEGGE FORNERO PER QUALCUNO NON VALE – Per spiegare quanto sia assurdo questo Paese proviamo a raccontare una favola, con tanto di morale. Le protagoniste sono due donne, entrambe avanti con gli anni. La prima signora è nata in Italia, ha lavorato e pagato i contributi qui. Poi è andata in pensione e dopo qualche tempo si è trasferita all’Estero. Per la precisione ad Hammamet, in Tunisia, dove la vita costa meno, e i bassi prezzi le consentono di sopravvivere più dignitosamente di quanto il suo risicato assegno mensile le permetterebbe di fare in Italia.

CIBI FRUGALI E DIETA MEDITERRANEA. E’ IL SEGRETO DELLA LONGEVITÀ

Diventare ultracentenari? Si parte dal piatto. Roma, 20 mar. (askanews) – Alzarsi da tavola quando non si è ancora sazi e dieta vegetariana. Sono i segreti della longevità secondo gli studi degli esperti. Ma cosa mettono nel piatto i centenari? Ogni loro pasto è composto in media dal 70% di vegetali (di cui però solo il 20% è frutta perché contiene molti zuccheri) e per il 30% di proteine magre, il tutto condito da abbondante olio d’oliva. E come spuntino? Frutta secca e olive.

IMPOTENZA, L’ALLARME SESSUALE PER GLI UOMINI: L’ABUSO DI IBUPROFENE RIDUCE IL TESTOSTERONE

 

L’abuso di ibuprofene mette a rischio la fertilità maschile. L’uso eccessivo della molecola provoca, infatti, ’ipogonadismo compensatò oltre ad essere causa di disturbi come la perdita di tenore muscolare, disfunzione erettile e affaticamento.

FERTILITÀ, I DUE MESTIERI CHE NON TI FANNO AVERE FIGLI: LA SCOPERTA TERRIFICANTE SUGLI SPERMATOZOI, CHI È ROVINATO

 

A condizionare la fertilità maschile non ci sono solo fattori genetici o legati all’età, ma anche al lavoro che si è costretti a fare, allo stile di vita e in parte anche al luogo in cui si vive. Il tema è stato discusso al primo congresso nazionale sulla procreazione medicalmente assistita, in programma a Firenze il 23 e 24 febbraio.

MANGIARE PIÙ AGLIO PER CONTRASTARE I TUMORI!

 

DALLA RICERCA SCIENTIFICA – La tavola rappresenta la prima arma di prevenzione e tutela della nostra salute. Sono davvero numerosi, infatti, gli alimenti e i cibi che, introdotti in una dieta quotidiana sana e regolare, possono favorire enormi benefici per il nostro organismo.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.