Tag Archives: Senato

Senato: approvata la Legge di stabilità 2016

MANOVRA ECONOMICA – VIA LIBERA DI PALAZZO MADAMA CON 162 VOTI FAVOREVOLI E 125 CONTRARI.

”La riforma” di Renzi del Senato è stata consigliata dalla Banca americana Jp Morgan: pag.12 del ”report 28.05 2013”

SENATO 195

 ECCO IL LINK DEL DOCUMENTO RISERVATO DI JPMORGAN SULLA “RIFORMA” DEL SENATO, DELLA  “COSTITUZIONE” E DELLA “DEMOCRAZIA” IN ITALIA:  http://culturaliberta.files.wordpress.com/2013/06/jpm-the-euro-area-adjustment-about-halfway-there.pdf .

Prepariamoci al referendum confermativo per il Senato. Il potere appartiene al popolo, non ai partiti.

Angelo TOFALO

Dopo l’abolizione del Senato e il tradimento della Costituzione da parte del trio Napolitano, Renzie, Berlusconi, l’unica forza democratica del Paese è il M5S. L’unica che opera attraverso gli strumenti di democrazia rimasti: leggi popolari, referendum, elezioni di candidati “non nominati”, rispetto dell’esito referendario dell’eliminazione dei finanziamenti pubblici ai partiti e della pubblicizzazione dell’acqua.

Il “caos” continuo di Camera e Senato e la disinformazione disorientano i cittadini

CDM

Se il presidente del Consiglio ricorre spesso al voto di fiducia, vuol dire che non si fida del tutto della sua maggioranza. Forse perché la maggioranza, così com’è composta, annovera parlamentari anche del PD, che dissentono da ciò che “impone” Matteo Renzi.  Quindi, il governo conta su una maggioranza zoppa, che non ritiene affidabile al 100% per il raggiungimento dei suoi scopi, giudicati a gran voce più che discutibili.

Paglini (M5S) : “In un secondo GRASSO ha saltato Più di 1444 emendamenti”

GRASSO

In un secondo GRASSO ha saltato Più di 1444 emendamenti!!!

Ha aperto il voto e l’ha subito chiuso!! E’ sconvolgente. Senza nemmeno dare il tempo di capire cosa aveva detto . ORMAI SIAMO ALLO SBANDO TOTALE DELLA DEMOCRAZIA . QUESTI SONO COLPI DI MANO .

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.