Tag Archives: Coldiretti

UE: Coldiretti, pomodoro Marocco invade Italia dopo olio Tunisino

L’ATTACCO AI PRODOTTI BASE DELLA DIETA MEDITERRANEA MADE IN ITALY.

Coldiretti: pomodori del Marocco invadono l’Italia dopo l’olio tunisino

“I prodotti base della dieta mediterranea Made in Italy sotto attacco con le importazioni di pomodoro dal Marocco in Europa che sono raddoppiate a gennaio rispetto allo stesso mese dello scorso anno superando i contingenti d’importazione fissati dall’accordo tra Unione Europea e Marocco”.

Import pomodori dalla Cina aumentato del 520%, Coldiretti lancia l’allarme

Le importazioni di concentrato di pomodoro dalla Cina sono aumentate del 520% ed entro la fine dell’anno potrebbero raggiungere 90 milioni di chilogrammi, pari a circa il 10% della produzione nazionale: lo rileva la Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre 2015, lanciando l’allarme sui rischi legati alla mancanza dell’obbligo di indicare in etichetta la provenienza.

Coldiretti: agricoltura e pastorizia italiane distrutte: 172.000 stalle e fattorie chiuse, import da paesi schiavisti

DALL’INIZIO DELLA CRISI NEL 2007 SONO STATE CHIUSE IN ITALIA OLTRE 172MILA STALLE E FATTORIE A UN RITMO DI OLTRE 60 AL GIORNO, CON EFFETTI DRAMMATICI SULL’ECONOMIA, SULLA SICUREZZA ALIMENTARE E SUL PRESIDIO AMBIENTALE.

Coldiretti in piazza: attacco velenoso della Ue alla produzione di formaggi italiani: vorrebbe imporre latte in polvere

Sono migliaia gli allevatori, i casari e cittadini che sono giunti dalle diverse Regioni a Roma per manifestare in piazza Montecitorio a difesa del Made in Italy e impedire il via libera in Italia al formaggio e allo yogurt senza latte, imposto dall’Unione Europea, che danneggia e inganna i consumatori, mette a rischio un patrimonio gastronomico custodito da generazioni, con effetti sul piano economico, occupazionale e ambientale.

Coldiretti: ”2pizze su 3 in pizzeria con ingredienti (da brivido): cagliate balcaniche pomodori cinesi e olio schifoso”

La pizza ottenuta con ingredienti stranieri almeno in due casi su tre. Dentro la pizza e sulla pizza a ‘guarnizione’ – denuncia Coldiretti – finiscono mozzarelle ottenute non dal latte, ma da semilavorati industriali, le cosiddette cagliate, provenienti dall’Est Europa, pomodoro cinese o americano invece di quello nostrano, olio di oliva tunisino e spagnolo o addirittura olio di semi al posto dell’extravergine italiano e farina francese, tedesca o ucraina che sostituisce quella ottenuta dal grano nazionale.

Coldiretti: ”6 italiani su 10 mangiano cibi scaduti perchè non hanno più soldi per la spesa alimentare”

COLDIRETTI”Nell’ultimo anno sei italiani su dieci (59 per cento) hanno mangiato cibi scaduti”. E’ quanto emerge da un sondaggio on line condotto dal sito www.coldiretti.it sugli effetti della crisi sui consumi delle famiglie.

In Italia 22milioni di chili di pere contaminate. Verificare l’origine in etichetta

pere“E’ allarme in Italia per la presenza di frutta spagnola “tossica” perché trattata con una sostanza pericolosa per la salute utilizzata per allungarne la conservazione anche durante il trasporto”.

Lo denuncia la Coldiretti nel chiedere controlli con il blocco immediato delle importazioni dalla Spagna dopo che i Ministeri della Salute e dell’Ambiente hanno vietato l’uso di agrofarmaci contenenti la molecola etossichina che sono invece ancora permessi in Spagna.

22% delle Risaie italiane sparito nel 2014 ”grazie” al governo che ha tolto dazi su risi asiatici tossici (Coldiretti)

RISAIE

Nel 2014 si è verificata in un solo anno una riduzione del 22% delle risaie in Italia per taglio di oltre 15mila ettari delle risaie destinate alla coltivazione di riso varietà indica che viene importata dalla Cambogia, a danno dei coltivatori italiani e a rischio della salute dei consumatori con un allarme sanitario alla settimana provocati dal prodotto asiatico.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Inoltre, non richiede né percepisce contributi pubblici per l’editoria. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.